I professionisti del biologico e del naturale si raccontano al SANA 2017

Lunedì scorso a Bologna si è concluso l’appuntamento annuale con le aziende bio, il SANA 2017. Anche quest’anno abbiamo raccolto le testimonianze di alcuni tra gli espositori dei mercati cosmetici e delle integrazioni che hanno partecipato a questo evento, per approfondire gli obiettivi perseguiti e l’evoluzione delle aziende sensibili alle tematiche ambientali.

I professionisti del biologico e del naturale si raccontano al SANA 2017Abbiamo comprovato quali sono i canali di comunicazione più efficaci per testimoniare le scelte ecologiche e per ottenere maggior visibilità presso i loro target di riferimento e abbiamo analizzato le performance ambientali delle aziende nelle aree coinvolte dalla filiera di produzione.

Oficine Clemàn: “i nostri clienti sono i nostri tifosi, anche sui social media”

In quest’ultima edizione del SANA abbiamo avuto il piacere di intervistare il dott. Gianluca Rossi, presidente di Oficine Clemàn srl, azienda mantovana  ideatrice  di due linee di prodotti ben distinte, una di cosmetica e l’altra di bellezza perché, come afferma il dott. Rossi: “è importante differenziare i servizi”.

I Social Media e la comunicazione digitale

Oggi, le barriere che storicamente dividevano produttore e consumatore si sono ulteriormente assottigliate con la presenza della comunicazione digitale e grazie al confronto semplice e veloce con gli utenti, attraverso gli strumenti dei canali social per le imprese, è possibile avere maggiori opportunità di interazione anche coi clienti.

Grazie ai social media, Oficine Clemàn è riuscita a migliorare il proprio posizionamento e a farsi conoscere su Internet con più facilità, in particolare su Facebook. Infatti il successo dei suoi prodotti è stato comprovato, per esempio, dall’interazione – like, condivisione, ecc. – che i consumatori hanno avuto con la pagina aziendale e dalla pubblicazione e condivisione, nelle proprie bacheche personali di post e contenuti relativi ai prodotti. Una reale prova dell’affetto che i suoi clienti, veri e propri tifosi del marchio, dimostrano spontaneamente.

Inoltre, sempre attraverso i canali social, Oficine Clemàn può interagire coi suoi clienti diretti e coi consumatori finali, contribuendo ad incrementare uno scambio reciproco e costante.

Gli e-commerce non sono beauty-compatibili

La risposta del leader di Oficine Clemàn sull’efficacia o meno del digital retail come strumento di promozione e vendita dei prodotti di cosmetica è negativa, dato che per il dott. Rossi “i cosmetici sono difficilmente vendibili su Internet”. La rete permette di conoscere le caratteristiche e gli ingredienti di un determinato prodotto ma non saprà mai esaltare un profumo e non può nemmeno descrivere pienamente la consistenza di una crema.

Il consumatore ha bisogno di sentire un profumo e applicare sulla propria pelle una crema per poter decidere sul suo acquisto. In un e-store l’utente può solo vedere l’imballaggio e conoscere le proprietà del prodotto ma non potrà mai vivere pienamente l’esperienza del cosmetico.

Montalto: “cibo per la pelle”

Per Montalto, che dal 1957 promuove la bellezza naturale delle donne, “i cosmetici sono cibo per la pelle”. In linea con questo concetto, la dott.ssa Silvia Montalto – responsabile marketing e comunicazione di Montalto – ci spiega come è stata realizzata la comunicazione, per divulgare i principi fondanti dell’azienda e promuovere i prodotti.

Due gustose provocazioni

In questa edizione del SANA, Montalto ha allettato i visitatori offrendo biscotti biologici al 100%, cucinati con gli ingredienti principali delle sue creme al burro di karité. Inoltre è stato offerto al pubblico un cocktail preparato con gli stessi elementi base del nuovo profumo, Mes Fleurs 57®, lanciato quest’anno in occasione del 60° anniversario di Montalto. Queste iniziative, “sono piccole provocazioni” fatte al pubblico per rendere ancor più evidente quanto da sempre sostenuto “i nostri prodotti biologici per la cura e per la bellezza del corpo femminile, prima di tutto, nutrono il corpo; perché è attraverso il nutrimento della pelle che si realizza la bellezza”.

Marketing e comunicazione: un percorso in evoluzione

Dal 2012 è iniziato un percorso di pianificazione e realizzazione di alcune mirate strategie di marketing digitale, che stanno portando l’azienda a un successo ancora maggiore rispetto al passato. Molto è stato fatto e molti progetti sono ancora in fase di realizzazione, in quanto questo aspetto dell’azienda sta ancora crescendo ed evolvendo; illustriamo di seguito alcune delle iniziative messe in atto negli ultimi anni.

Sito aziendale e e-commerce: “fare cultura e dare cultura del biologico”

Oggi Montalto possiede due siti web ufficiali che comunicano tra loro ma hanno due scopi completamente differenti.

Il primo è il sito aziendale, strutturato per “fare cultura e dare cultura del biologico”, con contenuti legati alla bellezza del corpo per mezzo delle proprietà curative dei vegetali. Nella sezione legata alle linee cosmetiche vengono descritti nel dettaglio tutti prodotti del catalogo, per informare i lettori sulle loro caratteristiche benefiche. Dal sito aziendale è inoltre possibile accedere direttamente all’e-commerce ufficiale di Montalto.

Il secondo sito è l’e-store, grazie al quale è possibile acquistare i prodotti direttamente online. Gli e-commerce sono un ottimo strumento di vendita che, però, va gestito con saggezza. Le scelte commerciali attuate dalle grandi reti di vendita online come, per esempio, Amazon, non sono sempre in linea con le strategie dei produttori. La scelta migliore in questo caso è quella di creare e gestire un e-commerce ufficiale che esalti e valorizzi ulteriormente i prodotti in vendita mantenendosi perfettamente in linea con le politiche aziendali di chi produce.

Un processo etico anche su Facebook

Infine abbiamo allargato il discorso su altri canali digitali di comunicazione, molto apprezzati anche da Montalto, che ha deciso di intraprendere un percorso etico e naturale anche su Facebook, il social network più seguito e utilizzato che Montalto sfrutta per acquisire visibilità tramite attività esclusivamente organiche e senza ricorrere all’advertising. Con questa linea di condotta, sostiene la dott.ssa Montalto,  raggiungere un numero di iscritti alto richiederà più tempo ma il risultato finale sarà più naturale.

L’importanza delle certificazioni

Durante l’intervista abbiamo affrontato alcuni argomenti cruciali per le aziende biologiche tra cui, per esempio, l’importanza delle certificazioni per garantire ai consumatori l’effettiva biologicità dei prodotti in vendita. Oggi il biologico è diventato quasi una moda, una tendenza; questo fatto però non è da considerarsi negativo, purché le aziende che abbracciano questi principi si affidino ad enti capaci di valutare i propri prodotti in modo meticoloso e con parametri restrittivi. Nell’ultimo decennio le aziende ‘biologiche’ sono aumentate considerevolmente; ma se si analizzano i parametri con cui alcune imprese certificate vengo definite bio, è evidente che in questo settore esistano vari livelli di biologicità. Diventa fondamentale, quindi, la scelta dell’ente di certificazione scelto: più i parametri di analisi saranno restrittivi, più i prodotti dell’azienda valutata guadagneranno autorevolezza nel loro mercato.

L’Erbolario: “la bellezza naturale è un sobrio lusso accessibile”

Durante il nostro percorso tra gli stand di SANA 2017, abbiamo incontrato anche il premio Rosa Camuna Franco Bergamaschi, co-fondatore de L’Erbolario srl – Premio Felix come Miglior Grande Impresa – insieme alla moglie Daniela Villa, recentemente insignita del titolo di Cavaliere del Lavoro.

Il presidente de L’Erbolario ci ha concesso un’intervista nella sua bottega, allestita nel padiglione dedicato alla cura del corpo naturale e bio. Per L’Erbolario il SANA è sempre stato un’occasione irrinunciabile, fin dalla prima edizione, per salutare tanti clienti e presentare le linee natalizie sia al pubblico, sia agli addetti del settore . Inoltre ogni anno il SANA offre al dott. Bergamaschi l’opportunità di riabbracciare i compagni di strada con cui, in questi anni, ha collaborato e condiviso tante emozioni.

Un marchio ‘inclusivo’

La grande mission che governa da sempre questo marchio è la “democratizzazione della bellezza vegetale”, in quanto “la bellezza naturale è un sobrio lusso accessibile”. Le grandi firme spesso comunicano la propria suntuosità escludendo una parte di consumatori, ma vendere un prodotto di qualità a prezzi esorbitanti impedisce ai più di beneficiare delle sue doti. L’Erbolario, al contrario, definisce l’inclusività dei propri prodotti grazie all’accessibilità dei prezzi.

Il rispetto della natura

Un altro valore aziendale imprescindibile è il rispetto dell’ambiente e degli animali. In questo senso, partecipare al SANA è anche un modo per lanciare un segnale importante in questa direzione e “per tenere vivo l’interesse sull’evoluzione green in corso”.

Orgogliosi di limitare l’impatto ambientale

Anno dopo anno le performance ambientali dell’azienda migliorano, investendo continuamente in tecnologie capaci di diminuire l’impatto ambientale e, a conferma dell’importanza rivestita da questo aspetto, dal 2002 tutta la filiera produttiva  è costantemente monitorata per attenersi alle linee guida ecologiche imposte dalla certificazione ISO 14001.

Un altro traguardo raggiunto è stato l’ottenimento del marchio FSC® per le proprie confezioni di carta. Gli imballaggi con questa sigla derivano da legno proveniente da foreste monitorate e gestite in modo responsabile, secondo i rigorosi standard ambientali, economici e sociali del Forest Stewardship Council®.

‘Solo volontari sani e parlanti’

Da oltre 25 anni, a fianco della LAV – Lega Anti Vivisezione – L’Erbolario si impegna per la tutela degli animali, confermando non solo una grande dedizione verso la causa, ma anche un vincolo storico contro lo sfruttamento degli animali per scopi cosmetici. L’ultimo grande successo avuto da questa collaborazione è stato l’ottenimento da parte della commissione UE del divieto di sperimentazione animale per i cosmetici. I prodotti de L’Erbolario sono testati dai laboratori dell’Università di Pavia su volontari perfettamente in salute.

Le nostre datrici di lavoro, ovvero le clienti

La comunicazione è fondamentale per informare sulle nuove linee di prodotti e per sensibilizzare le consumatrici sulle tematiche ambientali e di rispetto per gli animali. Inoltre aiuta a conoscere i pareri e le opinioni di coloro che il dott. Bergamaschi considera e definisce le sue “datrici di lavoro”, ovvero, le clienti. Una ricerca condotta da Doxa nel novembre del 2016 rivela che i prodotti dell’Erbolario sono entrati nelle case di 10.500.000 di famiglie italiane, a conferma che una comunicazione efficace volge a tutto vantaggio del marchio.  

Inoltre il mondo digitale permette di tenere informati i clienti, renderli partecipi delle iniziative commerciali e non solo. Il dialogo, anche attraverso i canali di comunicazione digitali, ha contribuito a creare campagne di beneficenza sul territorio nazionale, coinvolgendo anche i consumatori; così, attraverso l’acquisto dei cosmetici – Ibisco, Un fiore per l’Africa- e la partecipazione a progetti di beneficenza – Buoni un Milione di volte –, le clienti non solo hanno potuto essere più belle ma anche sentirsi più buone.

GUAM: “stare al passo coi tempi e al passo con la coscienza”

Nel padiglione dei prodotti di cosmetica biologica ci siamo confrontati col dottor Gianni Guagliumi –  consulente pubblicitario – in merito alle linee guida di GUAM e agli strumenti di comunicazione adottati per ottenere maggior visibilità e ampliare il target. Inoltre il dott. Guagliumi ci ha spiegato quanto questo evento sia importante per le aziende bio.

Il SANA rappresenta un’occasione importante che aiuta gli espositori a mettersi in contatto col pubblico, cosa che le campagne pubblicitarie tradizionali non fanno. Inoltre, partecipare ad eventi di questo tipo è un segnale di conferma del costante impegno dell’azienda nei campo biologico e naturale.

Le strategie di comunicazione, come anche i prodotti del marchio, sono realizzati senza mai perdere di vista un concetto tanto imprescindibile per GUAM quanto irrinunciabile per il dott. Guagliumi: “stare al passo coi tempi e al passo con la coscienza”.

Al passo coi tempi

In questo momento storico i canali di comunicazione tradizionali, come ad esempio la tv e la stampa, stanno subendo una forte battuta d’arresto a beneficio dei nuovi canali di comunicazione digitali. Proprio per questo, oggi più che mai, il marketing digitale acquisisce valore ed importanza e, attraverso i suoi strumenti, rende possibile conquistare una maggiore “superficie comunicativa” e allargare il proprio raggio di visibilità.

La sfida di GUAM consiste nel trasferire il messaggio del successo dei suoi prodotti, che in questi trent’anni veniva diffuso soprattutto tramite la televisione e la stampa, anche in chiave digitale. Recentemente GUAM ha realizzato il proprio shop online, accessibile direttamente dal sito ufficiale dell’azienda, permettendo ai clienti di rendere più veloce il processo di prenotazione. Lo shop online infatti offre la possibilità di selezionare i prodotti di proprio interesse, inserirli nel carrello virtuale e scegliere il punto vendita GUAM più comodo da raggiungere per finalizzare l’acquisto dei prodotti prenotati online.

Al passo con la coscienza

Le tecnologie,  le strategie e gli strumenti che le aziende avviano per acquisire visibilità sono in continua evoluzione e permettono di comunicare qualsiasi tipologia di prodotti. È importante però ricordare che qualsiasi progetto di comunicazione perde valore se il prodotto non è in primis ‘onesto’ ed efficace.

Il valore primario dei prodotti GUAM, infatti, risiede nel rispetto dei principi naturali e biologici con cui avviene la loro lavorazione e nei reali obiettivi che la loro applicazione – o assunzione – permette di raggiungere.  Stare al passo con la coscienza significa anche sapere con certezza che ciò che il prodotto stesso promette sarà esattamente il risultato che il consumatore otterrà una volta che lo avrà acquistato e utilizzato correttamente.

Il marchio GUAM inoltre è attivo anche nell’ambito dell’integrazione alimentare, offrendo una linea di integratori biologici e di fanghi di alghe che aiutano a “trattare le malattie con la natura”, cioè attraverso gli elementi naturali presenti all’interno delle creme e degli integratori.

Percorsi diversi per una meta comune

Attraverso le testimonianze di queste aziende, che da decenni operano nei settori beauty e wellness, abbiamo potuto confermare quanto siano eterogenee le strategie comunicative adottate dai professionisti della bellezza e della cura del corpo. Le metodologie di queste attività differiscono in base alla tipologia dei prodotti, ma anche, ovviamente, in relazione alle scelte commerciali e di marketing tradizionale, digitale o entrambi.

Nonostante le differenti modalità in cui operano, il comune denominatore di queste aziende è l’obiettivo della cura del corpo mediante l’utilizzo di prodotti biologici,  ottenuti attraverso la ricerca di metodi di produzione sempre più sostenibili.

Le 10 lezioni di vita (sul lavoro) di Bernard Marr

Digital marketing | 30 Luglio 2019

Bernard Marr in un articolo ha raccolto quelle che sono secondo lui le prime 10 lezioni da imparare sul lavoro, per apprezzare quello che si fa. Scoprile subito!

LEGGI TUTTO

Produttività, come aumentarla? Il metodo “Eat that frog!”

Digital marketing | 17 Luglio 2019

Esistono vari metodi per aumentare la produttività e smettere di procrastinare: analizziamo il metodo “Eat that frog!” dell’autore americano Brian Tracy.

LEGGI TUTTO

Mappe mentali: cosa sono e perché dovresti conoscerle

Digital marketing | 9 Luglio 2019

Una mappa mentale è una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata dal cognitivista inglese Tony Buzan, a partire da alcune riflessioni sulle tecniche per prendere appunti.

LEGGI TUTTO